Progetti solidali

A LAVORO NEL FOOD CON LA SANITA’

La Sanità mi è sempre stata nel cuore. E’ bella, vitale e sporca come la carta cantata da Pino Daniele.  Ricca di risorse e in cerca di riscatto. Nel 2013 ho iniziato a seguire la comunicazione di un giovane pizzaiolo sconosciuto ai più. Aveva voglia di crescere e di superare i confini deluso Rione. Lui è Ciro Oliva, l’enfant prodige della pizza, come lo ho chiamato. 22 anni e una fame terribile di emergere. Con la collaborazione dei creativi di Startmedia ho sviluppato una strategia di comunicazione integrata che gli ha regalato grandi soddisfazioni. E’ oggi acclamato come uno dei fuoriclasse della pizza italiana.

Tanta gente della città e fuori si è recata alla Sanità, sfatando mille preconcetti. La sua Pizzeria è diventato il motore di un cambiamento lento e progressivo, e ancora in corso, che ha le sue basi nella attività svolta dalle Associazioni e Cooperative che dal 2001, con l’arrivo del Parroco Antonio Loffredo, lavorano sugli individui per contrastare il degrado e l’abbandono.

Pizza Sospesa, l’idea di convogliare la proverbiale generosità del popolo napoletano, nota per il costume di lasciare il caffè sospeso al bar per chi non lo può pagare, sulla pizza, è una trovata mia che la famiglia Oliva, da sempre aperta ai bisognosi del Rione, ha accolto facendola sua. E’ stato un gran successo. Ne ha parlato la tv  e molte testate italiane ed estere.

Ma non è tutto qui. Gastronomi con la Sanità, come lo chiamo è un altro piccolo contributo.

Dall’incontro tra Fondazione San Gennaro (www.fondazionesangennaro.org), oggi Comitato, e le Associazioni, Cooperative e operatori attivi nel Rione Sanità di Napoli, con Monica Piscitelli è nato “Gastronomi con la Sanità” .
Il progetto work in progress ideato dalla giornalista enogastronomica punta a cortocircuitare addetti al settore del food e della stampa specializzata allo scopo di valorizzare le risorse e potenzialità gastronomiche del Rione.

Lo scopo è avvicinare bambini e ragazzi al mondo dell’agroalimentare e ai suoi prodotti sani e etici; e le donne, custodi delle ricette più vere della tradizione , a percorsi di formazione e impiego. Finalità che la Fondazione, tramite le sue articolazioni già persegue e per le quali, con il supporto dei suoi sostenitori, aveva tra i suoi obiettivi strategici.

Dal marzo 2015  Monica Piscitelli promuove nel settore food – ristoranti, aziende agricole, pizzerie, fast food, “Magnà, Gli ingredienti giusti” il laboratorio di disegno alimentare della Casa dei Cristallini presieduta da Gina Buonsangue.

un menù Magnà

un menù Magnà

Ideato e gestito da Assunta D’Urzo e Mary Cinque, consiste nella preparazione di merende AD ARTE per bambini dai 6 ai 10 anni fatte con ingredienti di stagione,  per educare i bambini a mangiare bene divertendosi. Insieme si disegnano gli ingredienti sani e le merende già realizzate.Da questi disegni nasce, grazie all’aiuto di grafici professionisti, una linea bella ed elegante di prodotti per la ristorazione e non solo.

i disegni Magnà per le pizzerie

i disegni Magnà per le pizzerie

Banque-think è un progetto della Fondazione San Gennaro sostenuto da Fondazione Riva e realizzato con il supporto del network di “Gastronomi con la Sanità”

Un gruppo di Donne, le mamme dei ragazzi della Sanità, giovani Signore del Rione e del Borgo Sant’Antonio Abate, si costituiranno in impresa sociale per fornire un servizio di banqueting e catering.

In vista di esso, sono state avviate, a partire da maggio 2014 (e fino ai principi del 2015), a un percorso di formazione teorico e pratico che coinvolgerà le risorse attivate da “Gastronomi con la Sanità”: alcuni dei maggiori talenti e Associazioni della gastronomia Campana.

Madrina del progetto è la chef stellata Rosanna Marziale (Le Colonne, Caserta).
Ma ci saranno, insieme a Monica Piscitelli, anche Antonio Tubelli (Timpani e Tempura a Eccellenze Campane, Napoli), Elena Maria Curzio (Associazione Cuoche a Domicilio); Tommaso Luongo (delegazione di Napoli dell’Ais Campania);  Giuseppe Fraia (Amira delegazione di Napoli); Ciro Oliva (Pizzeria Oliva, Napoli); Adele Salvatore (Studio Staff, Napoli); Pasticceria Scaturchio (Napoli) e Aurelio Speranza (Startmedia, Napoli).