Monica Piscitelli

_GIP3279

Monica Piscitelli, giornalista, blogger e degustatrice di piatti e vini diplomata Master Vino, è una delle voci in ascesa del giornalismo enogastronomico del Sud e una consulente di comunicazione specializzata nel settore agrolimentare.

Il suo sito campaniachevai.it, dedicato al racconto del “Campaniache funziona”, è online dal 2007.
Sin dai primi anni 2000, Monica ha collaborato, tra gli altri,  con uno dei siti di settore più forti in Italia, lucianopignataro.it e, conseguita la Laurea in Economia e Commercio sulle tematiche dello sviluppo regionale, si è specializzata nella comunicazione per le aziende, sul campo, e attraverso un doppio percorso formativo post laurea.

In questi anni ha scritto e degustato vini e piatti per svariati concorsi, testate (Il Denaro, Il Sole 24 ore Sud, Il Mattino, Where, L’informatore delle autonomie) e guide (TCI, Slow Food Wine, Slow Food Osterie) e  ha condotto e organizzato numerosi cooking show (tra gli altri l’appuntamento nazionale Pizza Chef Emergente del gastronomo Luigi Cremona), degustazioni tecniche e eventi.
Tra le collaborazioni più recenti quella con Slow Food, sia per la app Slow Planet che Osterie 2017, della quale è curatrice regionale, che per  Gambero Rosso (edizione 2017) e Slow Wine (fino al 2014).
E’ consulente strategist e copywriter si comunicazione per il settore agroalimentare e della ristorazione. E’ autrice della prima Guida alle Migliori Pizzerie di Napoli e della Campania (L’Ippogrifo) e di una App sullo stesso argomento realizzata per Iphone e Ipad.

icona_blogCAMPANIACHEVAI, IL BLOG

Il web è la più grande bombola di ossigeno della mia fantasia e l’infinita bacheca sulla quale affiggo messaggi, contenuti e immagini. Oltre al content di alcuni siti aziendali e Fan page, tra gli spazi internet che occupo al suo interno, stabilmente, c’è Campania che vai.

Il mio blog nasce nel 2007, dalla mia gran voglia di vuotare il sacco, di raccontarmi, di dar sfogo al gusto per la scrittura che mi anima sin da piccolissima e alla passione per la mia terra della quale mi sforzo di raccontare le cose che “vanno”, che funzionano.
Svariati anni sono trascorsi da quel primo post del 7 giugno 2007. Anni nei quali, dopo averle cercate inizialmente con spasmodica fatica, ho scoperto che le cose ad “andare” sono tante, tante che, a volte, stento a star loro dietro. Iniziative legate a solidarietà, cultura, ambiente e comunicazione. Di tutto questo, più i vini e i piatti che degusto, che sono oggi la linfa vitale della mia attività professionale, parlo in Campania che vai.
I miei utenti abituali mi scrivono che lo trovano utile per pianificare il week end. Di certo se siete dei buongustai e pensate che c’è un Italia sana, agricola magari, che ha molte cose da dire, troverete pane per i vostri denti. Se non vi basta, ci vediamo su Facebook per il dessert.